Nuovo Progetto Individualizzato DSA-ADHD-BES

Senza titolo

La Cooperativa “Mirjac” Onlus, in collaborazione con la “Tutti giù per Terra” Onlus, sempre attenta alle esigenze dei propri utenti e alle numerose richieste delle famiglie per nuovi servizi e attività da offrire ai nostri bambini e ragazzi “speciali”, ha deciso di impegnarsi in un nuovo progetto innovativo nella modalità di esecuzione, di altissima qualità, grazie all’equipe clinico-terapeutica che lo realizzerà, e molto ambizioso in quanto si cercherà di far fronte alle richieste di intervento non solo a Roma e nel Lazio, ma in tutta Italia.

Lo sforzo da parte della Cooperativa sarà grande e impegnerà tutta la nostra equipe clinica altamente qualificata e specializzata nei DSA-ADHD-BES, in particolare una delle più grandi esperte in questo settore che abbiamo il piacere di avere con noi, la Dott.ssa Maria Caccetta, coinvolgendo in prima persona anche la nostra Presidente, la Dott.ssa Fabiana Sonnino, che guiderà e supervisionerà personalmente l’andamento del nuovo progetto monitorando e intervenendo, come già fa normalmente nei progetti già in essere, su ogni nuovo caso che verrà preso in carico.

Il progetto

Per i ragazzi che presentano un Disturbi specifico dell’apprendimento (DSA), o un disturbi del comportamento o difficoltà tali da essere inquadrati come bambini/ragazzi con bisogni educativi speciali (BES) l’equipe clinica prevede quanto di seguito elencato.

L’idea progettuale presentata intende sopperire alle lacune e carenze individuate in fase di analisi del contesto e dei bisogni, in ottica di sussidiarietà orizzontale rispetto ai servizi pubblici.

Esso si articolerà in vari momenti clinici e terapeutici, quali:

  • redazione di un progetto riabilitativo individualizzato sulla base delle difficoltà presentate;
  • coordinamento tra intervento,scuola e famiglia ;
  • supervisione periodica dell’intervento da parte dello specialista clinico;
  • intervento di parent training condotto dallo specialista clinico;

Fasi cliniche del Progetto:

  • Presa in carico: primo colloquio

Una prima consulenza con la famiglia sarà svolta dall’equipe clinica presso la sede oppure tramite colloquio telefonico, o via skipe , a seconda delle necessità. L’obiettivo di questo consulto iniziale sarà quello di fare un’analisi della domanda, di discutere le esigenze della famiglia e di individuare l’intervento più appropriato.

Tipologia di intervento: colloquio clinico

Sede: presso la sede della Cooperativa e/o presso il domicilio della famiglia/ via skype.

  • Valutazione diagnostica, normativa, funzionale

La seconda fase del progetto prevede alcuni incontri di valutazione in cui l’équipe della Cooperativa effettuerà osservazioni strutturate e somministrazione di test standardizzati. La valutazione sarà orientata a effettuare una diagnosi, se non ancora ricevuta, e a individuare il funzionamento emotivo, cognitivo del bambino, ragazzo. In base ai risultati della valutazione l’équipe individuerà gli obiettivi su cui focalizzare gli interventi sulla persona.

In particolare saranno somministrati i seguenti test clinici: WISC IV per la valutazione del funzionamento cognitivo, test specifici per valutare gli apprendimenti , test proiettivi e psico-affettivi;

I risultati della valutazione saranno discussi con la famiglia e presentati in una relazione clinica che verrà consegnata agli interessati.

Tipologia di intervento: Valutazione clinica

Sede: presso la sede della Cooperativa e/o presso il domicilio della famiglia.

  • Supporto alla Genitorialità e altre Consulenze Professionali

Sulla base dei risultati delle valutazioni effettuate, una volta individuati gli obiettivi di intervento, l’équipe della Cooperativa proporrà alla famiglia, a seconda delle necessità, uno o più dei seguenti interventi, volti all’empowerment di tutte le figure che si occupano della persona e allo sviluppo di una buona collaborazione tra famiglia e professionisti implicati.

3.a Parent Training: nasce con l’obiettivo di potenziare e valorizzare le risorse individuali e genitoriali di cui ciascuno è portatore e che, a volte, fatica a riconoscere e/o esprimere, ma anche per favorire nei partecipanti l’acquisizione di specifiche competenze educative e delle annesse capacità di autovalutazione e automonitoraggio.

Grazie a questa tecnica i genitori hanno l’opportunità di incontrarsi e di parlare con altri genitori in un contesto protetto e guidato. I workshop e le sessioni didattiche si concentrano sull’insegnamento ai genitori di strategie educative e sulla collaborazione tra genitori e professionisti.

Tipologia di intervento: gruppi di supporto/empowerment/psico-educazione

Sede: presso la sede della Cooperativa

3.b Consulenze agli insegnanti – Teacher Training: l’équipe sarà disponibile a fornire supporto e formazione ai referenti della scuola frequentata dai bambini o ragazzi, coordinando il lavoro didattico con gli altri interventi in essere sulla persona.

Tipologia di intervento: consulenza/supervisione

Sede: presso la sede degli Istituti Scolastici. 

3.c Supervisione/Monitoraggio: si prevedono incontri di supervisione degli operatori che lavorano a diretto contatto con il bambino/ragazzo, per monitorare il perseguimento degli obiettivi prefissati.

Tipologia di intervento: consulenza/supervisione

Sede: presso la sede della Cooperativa e/o presso il domicilio della famiglia.

3.d Supervisione clinica: incontri di rete in cui è presente il supervisor, l’equipe clinica, operatori, beneficiario e i suoi genitori al fine di ottenere una valutazione del caso ex ante, in itinere o ex post. 

Tipologia di intervento: consulenza/supervisione

Sede: presso la sede della Cooperativa

3.e Coordinamento di rete: si prevedono incontri di coordinamento con i referenti dell’équipe socio-sanitaria e dei servizi sociali che si occupano della persona, in modo da concordare in itinere il programma di intervento specialistico.

Tipologia di intervento: coordinamento

Sede: presso la sede dei servizi socio-sanitari.

3.h Workshop formativi (genitori/operatori/insegnati): le sessioni formative saranno focalizzate a fornire competenze sullo sviluppo emotivo, la gestione del comportamento, la strutturazione degli spazi e lo sviluppo delle autonomie, l’acquisizione di competenze al fine di promuovere lo sviluppo delle capacità di metacognizione

Tipologia di intervento: gruppi di supporto/empowerment/educazione

Sede: presso la sede della Cooperativa

Risultati Attesi:

 Migliorata qualità della vita della persona nel suo contesto quotidiano, attraverso strategie di intervento che potenzino le sue capacità reali ed emergenti;

  • Acquisizione di competenze e strategie per vicariare funzioni neuropsicologiche deficitarie;
  • Migliorate competenze comportamentali e generalizzazione a più contesti.
  • Accresciuta formazione e consapevolezza dei genitori e delle altre figure professionali che si occupano del bambino/ ragazzo

Chi siamo e come operiamo

Il nostro impegno è dare assistenza specialistica a bambini ma anche ai ragazzi più grandi fino ai giovani adulti che presentino disturbi dai più lievi ai più gravi: disturbi dello sviluppo, difficoltà di tipo DSA/BES fino ad arrivare ai disturbi dello spettro autistico;  il cercare ed il perseguire la stretta collaborazione degli specialisti nelle discipline più varie che intervengono nella cura e nell’assistenza ai bambini – neuropsichiatri, psicoterapeuti, logopedisti, assistenti domiciliari, insegnanti e con chi quotidianamente vive il problema della disabilità, le famiglie.

Per ottenere questo realizziamo ogni anno tante attività e vari percorsi, “progetti” (con il contributo finanziario di importanti e grandi Fondazioni che permettono ad un bacino molto variegato, a livello di possibilità economiche, di partecipare alle nostre attività e laboratori) che si sono dimostrati nel tempo molto efficaci e che garantiscono ottimi risultati.

Tutta l’equipe clinica, compresa la Presidente, la Dott.ssa Fabiana Sonnino, studia ogni caso individualmente in modo approfondito, per valutare quale sia l’inserimento migliore in uno dei progetti, valutando in base alle caratteristiche del bambino/ragazzo (età, livello di gravità e tipologia del disturbo, interessi, disponibilità orarie ecc…) il percorso più adatto ed efficace per lui/lei.